logo -apocalypsesoon.org  
HOME

The Xcellent Files

Apocalypse soon media
Apocalypse soon media

Apocalypse soon - blog
Giorni Strani - blog
Giorni Strani - Archivio

Apocalypse soon - I Segni della Fine
I Segni della Fine



La Bibbia - CCCQD


Cristiano?
Ebreo?
Gentile?

Io Credo. Tu Credi?
Scopo
Ma perchè..?
Stato della Chiesa
Sorpresa
Culti e Sette
Parole Chiave
Orient Express
X files
Hi-Tech
New Age
Brave New World
La Chiesa Cattolica
Sei salvato?
Rock Cristiano?


Sondaggi
Contatto

Rivisitazione de "La Seduzione della Cristianità" – Prima parte

RADIO BROADCAST #2408 - Dave Hunt & T. A. McMahon
traduzione: Alessandro Valli

 

Benvenuti all’edizione speciale della Ricerca Quotidiana delle Scritture, un’attività radiofonica del “Berean Call” con la presenza di Dave Hunt e T. A. McMahon. Io sono Gary Carmichael e vi ringrazio per l’ascolto. Questa settimana interromperemo temporaneamente le trasmissioni basate sul libro di Dave: “Cercare e trovare Dio” per riproporre il tema del nostro primo programma che andò in onda nel 1999. Sono trascorsi parecchi anni da quando Dave Hunt e T. A. McMahon collaborarono al libro “La Seduzione della Cristianità” (edito da Harvest House). Il libro all’epoca provocò una grande reazione ed abbiamo perciò deciso di ritornare ad analizzare questo libro per poter attualizzarlo coi giorni nostri.

Tom:

Grazie, Gary. Dave, come ben sai, sono passati quasi 15 anni dalla prima edizione de “La seduzione della Cristianità” e dalla prima nostra edizione radiofonica relativa allo studio delle Scritture. Credo perciò sia giusto fare una breve introduzione sul libro, su noi stessi e su come il libro si collega al ministerio della “Berean Call” (che produce anche il programma). Innanzitutto perché presentare un libro con un titolo così presuntuoso come “la seduzione della Cristianità”?

Dave:

Non penso sia un titolo presuntuoso. Penso che sia realistico e che molte persone la pensino come noi. Da molto tempo la Cristianità sta vivendo un processo di ridefinizione. Molte cose sono state spacciate per Cristianità mentre in realtà non lo sono. Chi sono io per dire ciò? Non si tratta della mia opinione, bensì di ciò che dicono le Scritture, nel nome di Dio e della Bibbia. E nel frattempo negli Stati Uniti e nel resto del mondo è stato fabbricato un Cristianesimo che non ha nulla di biblico.

Tom:

Va bene, facciamo un passo indietro. Tu hai scritto diversi libri prima de “La seduzione della Cristianità”. In quel periodo io stavo lavorando al film Cult Explosion. Dopo l’uscita del libro e del film ricevemmo molte lettere di persone che ci dicevano che il libro e il film parlavano di occultismo, ma che quegli insegnamenti denunciati da noi in realtà stavano prendendo piede nelle loro comunità che frequentavano e quindi erano molto interessati all’argomento.

Dave:

Abbiamo avuto innumerevoli contatti, lettere, chiamate, incontri con persone che ci dicevano: “Sono arrivato a Cristo dopo essere uscito da una setta o dall’occultismo. Pensavo che andando in una chiesa evangelica mi sarei liberato da queste cose ma invece ho ritrovato anche lì le cose dalle quali stavo fuggendo. Poi cambiavo comunità e ancora lo stesso problema.” Non è che queste persone non siano cristiani e neppure che non insegnino dalla Parola o Dio (o perlomeno ci provano), ma vi ho trovato pratiche, idee e dottrine che si sono insinuate in qualche modo e che sono state poi annacquate con le Scritture. Io credo che l’intenzione fosse in qualche modo di migliorare i culti e i cristiani che già frequentavano quella comunità non si sono resi conto di ciò che si stava insinuando, ma tutti coloro che in passato hanno conosciuto l’occultismo si sono detti: “Noi siamo scappati e siamo stati liberati da queste cose”. Perché avvengono nella Chiesa? Sicuramente tutte queste lettere sono servite a risvegliarci un po’. In effetti ho scritto molti libri. Ho girato l’India e ho seguito con attenzione le influenze della New Age nel mondo, ne ho discusso a fondo e infine me le sono ritrovate anche nella chiesa. Ecco perché abbiamo deciso che questo problema andava discusso e affrontato.

Tom:

Esatto, e ricordo che ci furono alcune curiose obiezioni al libro. L’accusa era di aver creato noi l’idea di New Age e di averla utilizzata per vendere libri. Ovviamente, queste accuse si sono rivelate totalmente false e tutti hanno potuto riconoscere che la New Age non era solo il parto della fantasia di Dave Hunt.

Dave:

Certo, anche nel mio libro “Pace, prosperità e l’Olocausto imminente” parlai a fondo della New Age, e molti cosiddetti esperti negarono fermamente che vi fosse un problema legato alla New Age, ma poi subito dopo abbiamo notato che questo tema si trova nei titoli di tutti i libri cristiani. Bisogna però a questo punto fare un passo indietro e parlare del Nuovo Pensiero che ebbe inizio attorno al 1890 nella Emerson School of Oratory. Fuori da questa scuola, vi era una Scuola di Cristianità chiamata Unity che ebbe una forte influenza sulla cosiddetta Scienza Cristiana, Scienza della Mente, Scienza Religiosa, eccetera. E allo stesso modo diede sviluppo al Movimento della Confessione Positiva. In quei giorni sorse quello che venne chiamato da un’idea emersoniana “il Nuovo Pensiero” che si basava sul concetto che dalla tua mente si può creare la realtà. Facciamo un esempio pratico. Esistono diversi cristiani – probabilmente la maggioranza – i quali ritengono che se credono che ciò per cui stanno pregando si avvererà, allora sicuramente ciò si avvererà e pensano che è questo il concetto di fede. Ovviamente, se le cose si avverano solamente perché tu hai creduto che si avverassero allora non stiamo più parlando di fede, bensì di potere della mente. Fede è credere che Dio faccia accadere le cose. Bene ora aggiungiamo altri elementi all’equazione. E’ nella volontà di Dio? Se non è nella volontà di Dio, allora non è nella via di Dio e nei tempi di Dio. Ricordate, noi eravamo stati criticati per ciò che scrivemmo nella “Seduzione della Cristianità”. Ora parliamo delle influenze occultistiche all’interno della chiesa e possiamo dire che occultismo non è altro che il tentativo di manipolare la realtà attraverso tecniche che permettono alla mente di controllare la materia. E ricordo che alcuni frequentatori di chiesa dicevano: “Caspita, questo supera la preghiera, il lavoro naturale di Dio, i miracoli.” Ora parliamo di mente sopra la materia, tentativi di manipolare la realtà. E quando si parla di capacità di far realizzare le cose solamente credendo che ciò avvengano entriamo nel campo della mente che domina la materia e di pensiero positivo. Norman Vincent Peale disse: “tu puoi cambiare la tua realtà, puoi cambiare l’universo attraverso i tuoi pensieri”. Ora si comincia a confidare in queste tecniche che fra l’altro vengono utilizzate anche nel mondo degli affari e nelle scuole pubbliche. Ricordo che all’epoca per rappresentare la situazione usammo questa metafora: Se uno stregone si accostasse alla vostra chiesa danzando coperto di piume e disegni su tutto il corpo credo che lo allontanereste dalla vostra comunità o perlomeno cerchereste di convertirlo, ma certamente non lo lascereste insegnare nella vostra chiesa. Ma quando lo stregone si presenta in giacca e cravatta ed utilizza parole cristiane, però mantenendo i suoi vecchi insegnamenti celati sotto le parole cristiane allora voi non riconoscerete più che si tratta di uno stregone.

Tom:

Oppure se ha delle credenziali scientifiche di qualche tipo, allora diventa più che accettabile, non è vero?

Dave:

Specialmente se ha un dottorato in psicologia.

Tom:

Mi auguro che i nostri ascoltatori comprendono che la seduzione della quale stiamo parlando rimane seduzione anche ai giorni nostri. E’ sorprendente come nonostante ci sia tanta informazione in merito vi siano ancora così tante persone sedotte da queste cose. Ci sono per esempio gli “insegnanti di fede” i quali si dichiarano evangelici ed utilizzano metodologie e tecniche di occultismo, sviluppate e mimetizzate dalla terminologia cristiana, le quali vengono presentate come fede. Questo è un esempio di come questa seduzione sta prendendo sempre più piede.

Dave:

Quando scrivemmo Cult Explosion molti ci scrissero parlando della chiesa Mormone. Il cuore del messaggio della chiesa Mormone è che noi possiamo diventare degli dei – uomini che diventano dei e donne che diventano dee chiamati a portare in avanti la specie in un’eterna gravidanza.

Tom:

A sfornare bambini dello spirito.

Dave:

Ma l’idea centrale è proprio questa: l’uomo che diventa un dio. Brigham Young affermò che il diavolo disse la verità quando rivolto a Eva le disse che mangiando il frutto sarebbero diventati degli dei. Così il Mormonismo si fonda letteralmente sull’idea che la bugia del serpente sia la verità del Vangelo. Così la gente lo può accettare.

Tom:

Quando dici che la gente lo può accettare, intendi dire che riconoscono che si tratta di un’eresia dei Mormoni.

Dave:

Esattamente. Quando tu parli contro la chiesa Mormone e ne dimostri l’errore allora questo viene accettato. Ma poi capita di vedere in una chiesa evangelica che invece di parlare di salvezza, del sacrificio di Gesù morto per i nostri peccati comincia a dire che non diventiamo dei, ma addirittura che siamo già dei, siamo piccoli dei. Paul Crouch della TBN per esempio ha detto che se noi non siamo piccoli dei si scuserà diecimila volta davanti al mare di cristallo. Per noi è semplice vedere nella Bibbia che se lui è un piccolo dio non sarà dinanzi al mare di cristallo perché in Geremia 10:10,11- Dio dice che non vi è altro dio, Io sono Dio che ha creato i cieli e la terra, nessun altro ha fatto ciò. E inoltre questo Dio, il vero Dio della Bibbia, il Creatore dice che gli dei che non hanno creato i cieli e la terra periranno sotto questo cielo e questa terra. Ma invece Charles Capps, per fare un altro esempio, scrive in uno dei suoi libri: “Noi siamo dei, ma ricordatevi di scriverlo con la d minuscola.” Questo è incredibile! Ma poi aggiunge che poiché siamo dei - piccoli dei ovviamente - possiamo altresì pronunciare parole di creazione e fare ciò che Dio fa e poi insegnano che tutto è soggetto alle leggi. Questo è un insegnamento un po’ più sottile rispetto al Galatianesimo che insegnava che siamo sotto la legge data a Mosé. Qui invece si parla di una specie di legge naturale che governa l’intero universo alla quale persino Dio è soggetto ed è grazie alla Sua conoscenza di queste legge che Lui riesce a pronunciare parole di creazione. Egli lo può fare tramite la visualizzazione ed il parlare positivo ed è per questa ragione che questo pensiero viene definito il Movimento della Confessione Positiva. Secondo questo insegnamento non bisogna dire “ho il raffreddore” perché questo è un pensiero negativo che ti provoca il raffreddore. Pertanto se hai un raffreddore e il tuo naso sgocciola copiosamente devi dire: “io non ho il raffreddore” e ripetendo questa confessione positiva alla fine il tuo raffreddore sparisce. Questa non è altro che scienza della mente.

Tom:

Bene, Dave, ciò è molto interessante perché questo ci riporta al Mormonismo e all’idea che essi promuovono, ossia che noi siamo degli dei o esseri esaltati alla divinità. Allo stesso modo noi abbiamo lo stesso problema con la Scienza Cristiana che proclama la nostra deità. Abbiamo questa innata deità ed ecco perché noi possiamo creare la realtà con la nostra mente.

Dave:

Questa idea chiamata maya ha origine dall’Induismo. Gli induisti dicono che tutto è un’illusione che viene dalla mente. Ciò che tu pensi crea il mondo in cui vivi. E’ una forma di panteismo. Questi religiosi scienzisti insegnano che poiché Dio è buono e Dio è tutto allora tutto è buono. E se attorno vedi qualcosa che rimanda alla malattia, peccato, sofferenza, morte, in realtà non esiste ma è solo una spirale decadente causata dal tuo pensiero negativo. Ora non tutti i cristiani hanno idee così estreme, ma ve ne sono comunque molti che pensano che se dicono: “mi sto raffreddando” alla fine prenderanno il raffreddore, e che se invece fanno una confessione positiva allora guariscono. E questi uomini come Hagen, Copeland, Fredrick Price, Paul Crouch insegnano letteralmente che noi possiamo creare attraverso le nostre parole e ciò per il semplice fatto che siamo piccoli dei. E prendono il capitolo Genesi 1, nel quale leggiamo che Dio dice: Sia la luce e molti altri casi dove troviamo Dio che dice altre cose. Allora essi prendendo spunto da questo capitolo dicendo: “avete visto quanto potere c’è nelle parole?” In realtà ciò è avvenuto non perché Dio ha detto qualcosa, ma perché a dirlo è stato Dio. E non è soggetto a qualche legge superiore da conoscere per realizzarla. Ma Pat Robertson afferma: Dio non fa mai miracoli al di fuori delle leggi dei miracoli.

Tom:

La cosa sorprendente è che questa dottrina è sottile e si muove in direzioni inaspettate tanto che alla fine attira persone insospettabili. Nessuno delle persone che conosco direbbe mai che Pat Robertson fa parte del mondo dell’insegnamento della fede. Eppure lui ha scritto diffusamente di queste leggi, tanto da farmi dire che anch’egli rientra in questa categoria e dico ciò non in base alla mia opinione ma basandomi sui suoi scritti.

Dave:

Sempre restando su Pat Robertson egli afferma che la Bibbia non è un libro teorico di teologia, bensì un libro di successi, il quale contiene le tecniche del successo. Qualcuno potrebbe dirmi che non è il caso di spezzare il capello in quattro, visto che comunque stiamo parlando di persone cristiane. Ebbene, la Bibbia parla con grande enfasi della fede. Per grazia noi siamo salvati mediante la fede. Siamo salvati per fede, viviamo per fede, camminiamo per fede, giustificati per fede, tutto ciò che abbiamo in Cristo è per fede. Ora, se noi abbiamo una falsa visione della fede, allora siamo nei guai. E quando Normal Vincent Peale dice: “il pensiero positivo è un altro modo per dire fede” io dico: “Aspetta un attimo!” Tu puoi essere ateo e insegnare comunque in seminari di pensiero positivo. Ora siamo davvero fuorviati, e spero che le persone comprendono che non vogliamo fare i criticoni, ma ciò che stiamo cercando di fare è quello che troviamo nella lettera di Giuda: “Combattete strenuamente per LA fede che è stata trasmessa ai santi". Si comincia con i compromessi pensando che questo punto lo possiamo manipolare un pochettino, quest’altro lo possiamo aggiustare magari per il giusto scopo di rendere la Parola di Dio in un linguaggio moderno comprensibile a tutti. Va bene, non ho problemi con questo, ma se poi si arriva a manipolare cose dell’occulto, tecniche New Age, del Movimento del Potenziale Umano per “tradurle” in un linguaggio biblico allora stiamo uscendo dalla Cristianità e stai portando letteralmente all’inferno delle persone che pensavano di essere dirette al cielo. E la Bibbia parla de “LA fede che è stata trasmessa una volta ai santi” e dobbiamo lottare strenuamente per essa. Non perché siamo chiusi mentalmente, dogmatici e fondamentalisti e amiamo polemizzare con la gente, ma perché il destino delle persone è in bilico ed è questa la cosa che ci preoccupa.

Tom:

Sì, e coloro che in un primo tempo hanno realmente conosciuto il Signore ed hanno poi abbracciato questi insegnamenti ne sono rimasti sedotti a tal punto che la loro visione di Dio è cambiata. Se la metodologia che li lega al loro Creatore e al modo con il quale si relazionano a Lui è falsa, allora di conseguenza anche la loro visione di Dio è falsa. Quando si troveranno confrontati con queste cose e vedranno che i risultati non saranno quelli sperati, la loro visione di Dio finisce col cambiare. Perciò per un vero credente la propria relazione con Dio viene alterata fino addirittura ad arrivare al naufragio e alla distruzione della propria fede.

Dave:

Bene, Gesù disse in Giovanni 17:3: "Questa è la vita eterna." Ora noi vogliamo sapere cosa è la vita eterna. C’è un’enorme differenza tra avere la vita eterna ed essere invece perduti per l’eternità. E Gesù disse: “Questa è la vita eterna: che conoscano te, il solo vero Dio, e colui che tu hai mandato, Gesù Cristo”. Sarebbe terribile essere un giorno di fronte a Dio e sentirsi dire: Io non ti ho mai conosciuto! Così, se tu hai un falso dio o un falso concetto di Dio, tu stai sminuendo la verità relativa a Dio. Stai sostituendo Dio con un qualsiasi idolo che ti vuoi formare anche solo mentalmente (e ciò si chiama idolatria) e non c’è bisogno di farlo di legno o d’argilla perché in ogni caso si tratta di un falso dio. Giovanni nella sua prima epistola al capitolo 5 scrive: "Sappiamo pure che il Figlio di Dio è venuto e ci ha dato intelligenza per conoscere colui che è il Vero; e noi siamo in colui che è il Vero, cioè, nel suo Figlio Gesù Cristo. Egli è il vero Dio e la vita eterna.” Per esempio, Robert Schuller dice: “il più grande potere al mondo è la possibilità di pensare”. E che fine ha fatto Dio? Di cosa stiamo parlando? Da quando in qua Dio viene paragonato ad una forza simile a quella che appare in “Guerre stellari”? La risposta è semplice. La forza è un concetto impersonale e quindi non ci infastidisce con la morale. Il Dio personale della Bibbia ci chiama a Sé ed esistono condizioni per poterlo conoscere, camminare con Lui e dobbiamo abbracciare Lui per come Lui è e non secondo una falsa idea di Dio. Dio non è un potere superiore ma Egli è il Dio personale che si è rivelato nella persona e nell’opera di Gesù Cristo che sulla croce ha redento i nostri peccati. Perciò se comincio ad utilizzare termini familiari nel mondo come “forza”, “poteri superiori”, ecc.. difficilmente potrò parlare del vero Dio e ciò è davvero molto pericoloso. Ecco cosa era la cosa che ci preoccupava quando parlammo della “Seduzione della Cristianità”, perché ci rendevamo conto che non si trattava di un insegnamento che palesemente contrastava il messaggio cristiano. No, si tratta di qualcosa in grado di sedurre le persone. Magari si sono fatti sedurre da soli dalle loro false idee che ritenevano fossero bibliche, ma non appena le si confronta con la Bibbia ci si rende conto che non reggono.

Tom:

Ecco perché noi incoraggiamo le persone a seguire l’esempio dei Bereani i quali controllavano direttamente sulle Scritture se le cose stessero così (Atti 17:11). Questo è ciò che Dio vuole. Egli vuole che tu Lo conosca per mezzo della Sua Parola.

Mp3Versione audio (in inglese)

 



up