Apocalypse soon logo
HOME

LA BIBBIA - CHI, COSA, COME, QUANDO, DOVE

Apocalypse soon media
Apocalypse soon media

Apocalypse soon - blog
Giorni Strani - blog
Giorni Strani - Archivio

Apocalypse soon - I Segni della Fine
I Segni della Fine



La Bibbia - CCCQD


Cristiano?
Ebreo?
Gentile?


Io Credo. Tu Credi?
Scopo
Ma perchè..?
Stato della Chiesa
Sorpresa
Culti e Sette
Parole Chiave
Orient Express
X files
Hi-Tech
New Age
Brave New World
La Chiesa Cattolica
Sei salvato?
Rock Cristiano?


Sondaggi
Contatto

LA BIBBIA

la Bibbia - apocalypsesoon.org

Significato:
dal greco: τὰ βιβλία  (ta biblia) al latino: biblia = I libri, o per meglio dire, piccoli libri

Termini correlati:
Sacra Bibbia, Sacre Scritture, La Parola di Dio, la Parola, Scritto Santo, Buon Libro

Principali suddivisioni:
Antico Testamento = 39 libri, Nuovo Testamento =27 libri, per un totale di 66 libri


 

CHI

Gesù Cristo è il Centro e il Cuore della Bibbia

L’Antico Testamento è il racconto di una Nazione.
Il Nuovo Testamento è il racconto di un UOMO.
La Nazione è stata fondata e allevata da Dio per portare l’UOMO nel mondo.

Dio stesso divenne un UOMO affinché l’umanità potesse avere una concreta, definita e tangibile idea a quale tipo di Persona bisogna pensare quando pensiamo a Dio. Dio è come Gesù. Gesù era Dio incarnato in forma umana.

La Sua apparizione sulla terra è l’Evento Centrale di tutta la storia. L’Antico Testamento ha posto le basi per questo evento. Il Nuovo Testamento lo ha descritto.

Come UOMO, Egli visse la vita più strana e meravigliosa mai vissuta. Egli fu il più gentile, tenero, paziente, consolante Uomo mai vissuto. Amava la gente. Odiava vedere persone nei guai. Amava perdonare. Amava dare aiuto. Fece meravigliosi miracoli per sfamare gente affamata. Per togliere sofferenze agli altri, si dimenticava di prendere cibo per Sé stesso. Moltitudini di persone stanche, affrante, piene di dolori andarono a Lui e trovarono guarigione e consolazione. Fu scritto di Lui, e su nessun altro, che se tutti gli atti di bontà compiuti da Lui venissero scritti, il mondo intero non basterebbe a contenere tutti i libri. Questo è il tipo di Uomo che fu Gesù. Questo è il tipo di Persona che è Dio.

In seguito Egli morì, sulla Croce, per togliere i peccati dal mondo e divenire il Redentore e Salvatore degli uomini.

Poi Egli risorse dalla morte e ora vive. Non semplicemente come un personaggio storico, ma come una Persona vivente: il fatto più importante della storia e la forza più vitale che esista al mondo.

L’intera Bibbia ruota attorno alla meravigliosa storia di Cristo e della Sua promessa di Vita Eterna per tutti coloro che Lo accettano. La Bibbia fu scritto col solo scopo che gli uomini possano credere, comprendere, capire, amare e seguire CRISTO.

Cristo, il Centro e il Cuore della Bibbia, è il Centro e il Cuore delle nostre vite. Il nostro destino eterno è nelle Sue mani. La nostra accettazione o rifiuto di Lui determina per ognuno di noi l’Eterna Gloria o l’Eterna Rovina, Paradiso o Inferno: O uno o l’altro.

La più importante decisione che chiunque è chiamato a prendere è di stabilire nel suo cuore, una volta per tutte, quale vuole essere il proprio atteggiamento verso Cristo. Da questa decisione dipende tutto il resto.

E’ una cosa gloriosa essere cristiani, il maggior privilegio che possa avere un uomo. Accettare Cristo come proprio Salvatore, Signore e Maestro ed agire in modo sincero e devoto seguendo il modello di vita che Egli ci ha insegnato è certamente – di gran lunga – il modo di vivere più ragionevole e soddisfacente che possa esistere. Ciò significa pace, pace della mente, contentezza del cuore, perdono, felicità, speranza, vita, vita qui e adesso, vita abbondante, VITA CHE NON FINIRÀ MAI.

Come si può essere così ciechi e ottusi da attraversare la vita e andare in faccia alla morte senza avere la Speranza Cristiana? Oltre a Cristo, cosa c’è in questo mondo per cui valga la pena di vivere? Tutti quanti dobbiamo morire. Perché cercare di riderci sopra? Di fronte a ciò ogni essere umano dovrebbe accettare Cristo a braccia aperte e considerare come il più grande privilegio della sua vita quello di poter chiamarsi cristiano.

In ultima analisi, la cosa più cara e dolce della vita è la consapevolezza interiore che noi viviamo per Cristo e anche se i nostri sforzi possono sembrare così deboli e fatichiamo a svolgere i nostri compiti quotidiani abbiamo comunque la speranza che alla fine dei conti avremo fatto qualcosa per porgere con umile gratitudine e adorazione la nostra offerta ai Suoi piedi.

Henry H. Halley - da Halley's Bible Handbook

 


 

COSA

La Bibbia è la Parola di Dio

Oltre alle varie teorie relative alle ispirazioni o a quelle su come i libri biblici siano arrivati alla forma attuale, oltre a tutte le possibili alterazioni che i testi avrebbero potuto subire nei vari passaggi tra editori e copisti; oltre alle discussioni su quanto vada interpretata letteralmente e quanto figurativamente o su ciò che andrebbe considerato come storico e ciò che potrebbe essere letto in chiave poetica, se noi lasciassimo da parte tutte queste cose e considerassimo la Bibbia semplicemente per come appare studiandola nel suo contenuto ci accorgeremmo di come la sua perfetta Unità di Pensiero sia la dimostrazione di come vi sia un’unica Mente ispiratrice di tutti i libri che la compongono, la quale reca sul volto del Suo autore il segno unico e distintivo di PAROLA DI DIO.

Nella società attuale esiste una visione (presente anche in diversi ambienti intellettuali) secondo cui la Bibbia non sarebbe altro che il racconto della lunga storia dell’uomo e dei suoi sforzi per trovare Dio: la registrazione delle esperienze umane fatte per raggiungere Dio con l’idea di Dio migliorata di volta in volta costruendo sulla base delle esperienze della precedente generazione. In quei passaggi (così frequenti nella Bibbia) in cui troviamo scritto che Dio parla, secondo questa teoria in realtà Egli non parlava realmente, ma sarebbero stati gli uomini ad attribuire a Dio le proprie idee in modo tale da rappresentare Dio secondo il modo in cui essi lo immaginavano. Così facendo si riduce la Bibbia ad un libro qualunque in modo tale da trasformare un libro divino in un libro umano che pretende di essere divino.

Noi rifiutiamo e aborriamo totalmente questa visione. Noi non crediamo che la Bibbia sia il racconto dell’uomo riguardante i suoi sforzi per trovare Dio, bensì sia il racconto dello sforzo di Dio per rivelare Sé stesso agli uomini. Si tratta del resoconto personale di Dio sul Suo rapporto con gli uomini, allo scopo di rivelare Sé stesso al genere umano: la Volontà rivelata del Creatore dell’Uomo, data all’Uomo dal Suo Creatore, l’Istruzione e la Guida nelle Vie della Vita.

I libri della Bibbia sono stati composti da autori umani, e in alcuni casi non si sa neppure chi ne sia l’autore. E neppure si sa come Dio abbia diretto questi autori nella loro scrittura. Ma ciò che è certo è che Dio li abbia diretti e che questi libri siano esattamente come Dio volesse che fossero.

Esiste una differenza tra la Bibbia e tutti gli altri libri. Uno scrittore può pregare di essere aiutato e guidato da Dio e venire in effetti aiutato e guidato da Dio in ciò che scrive (tant’è vero che esistono molti libri i cui autori sono stati senza dubbio aiutati da Dio nella loro stesura). Ma anche l’autore più santo di questa terra difficilmente potrebbe dichiarare che il suo libro è stato scritto da Dio. Invece questo è ciò che è avvenuto per la Bibbia. Dio stesso ha monitorato, diretto e dettato le scritture che troviamo nei libri della Bibbia, con gli autori umani totalmente sotto il Suo controllo a tal punto che ciò che scrissero erano le scritture di Dio. La Bibbia è la Parola di Dio in un modo unico e irripetibile per qualsiasi altro libro del mondo.

Può darsi che alcune affermazioni della Bibbia possano sembrare antiquate per il tipo di pensiero o di linguaggio espresso e che ai giorni nostri esprimeremmo determinati concetti con un diverso linguaggio. Ma anche nonostante ciò la Bibbia contiene precisamente le cose che Dio vuole che l’umanità conosca, nell’esatta forma come Lui vuole che noi le conosciamo. E alla fine dei tempi il Caro Vecchio Libro rimarrà l’unica e sola risposta all’umanità in cerca di Dio.

La Bibbia, composta da diversi autori sull’arco di un periodo di diversi secoli, è già Essa stessa un miracolo per come abbia potuto resistere in tutte le Età come UN LIBRO, a dimostrazione della Sua origine soprannaturale.

Tutti dovrebbero amare la Bibbia. Ognuno dovrebbe leggere regolarmente la Bibbia. Ognuno dovrebbe sforzarsi di vivere secondo gli insegnamenti della Bibbia. La Bibbia dovrebbe occupare un ruolo centrale nella vita e nel lavoro di ogni chiesa e su ogni pulpito. L’unico scopo del pulpito è la semplice esposizione degli insegnamenti della Parola di Dio.

Henry H. Halley - da Halley's Bible Handbook

 

up